Principali Progetti

Dal 1957 ad oggi Salini Impregilo ha realizzato in Etiopia 20 grandi opere, per un valore complessivo di 9 miliardi di euro. Ogni opera ha avuto un impatto significativo sull’economia del Paese, grazie alla produzione di energia elettrica, alla fornitura di acqua potabile in zone urbane e rurali, allo sviluppo di infrastrutture stradali ed alla costruzione di edifici ed ospedali a favore della collettività.

Da progetti per la fornitura di acqua alla capitale Addis Abeba fino alla costruzione della più grande diga del continente (GERD), che permetterà di aumentare la capacità di produzione energetica del 270%, Salini Impregilo ha realizzato in Etiopia progetti complessi ed ambiziosi inseriti alla perfezione nel grande piano di crescita nazionale.

01

Progetto Idroelettrico Koysha

2016 -  in corso

L'impianto idroelettrico di Koysha è ubicato nell’area sudovest del Paese e costituisce il quarto impianto di un sistema a cascata sul fiume Omo (a monte sono infatti già stati realizzati gli impianti Gibe I e Gibe II, mentre il Gibe III è al 98% di avanzamento lavori) avrà una potenza installata di 2.160 MW e un’energia annua prodotta di 6.460 Gwh.

02

Grand Ethiopian Renaissance Dam

2010 -  in corso

Realizzata sulle acque del Nilo Azzurro, la Grand Ethiopian Renaissance Dam è il progetto idroelettrico più ambizioso del Paese. Una volta portata a termine, la diga sarà la più grande d’Africa, in grado di aumentare l’energia prodotta del 270%.

L’opera è una delle sfide infrastrutturali più ambiziose al mondo che ha comportato la deviazione delle acque del Nilo Azzurro, impegnando nel cantiere oltre 9.000 persone.

chiudi

03

Gibe III Hydroelectric Project

2006 -  2016

L’impianto idroelettrico di Gibe III è il terzo progetto realizzato sulla cascata Gibe-Omo e rappresenta oggi la più grande opera idroelettrica del Paese. Grazie a Gibe III la produzione energetica etiope subirà un balzo in avanti dell’85%.

Le 10 turbine Francis di cui è dotata hanno infatti una produzione energetica attesa di 6.500 GWh all’anno. Alla realizzazione di Gibe III hanno lavorato in media 5.000 persone.

chiudi

04

Beles Multipurpose Project

2005 -  2010

L’impianto idroelettrico di Beles è situato sulle sponde del lago Tana a circa 50 km a nordovest di Bahir Dar nella regione di Amhara. Il progetto ha coinvolto circa 4.000 lavoratori provenienti da 34 Paesi differenti.

Realizzato quasi interamente in sotterranea, l’impianto è caratterizzato da una galleria in pressione lunga 11,8 km che porta le acque dal lago Tana alla centrale in caverna, dove sono collocate quattro turbine Francis ognuna delle quali in grado di generare 115 MW di energia.

chiudi

05

Gilgel Gibe II Hydroelectric Power Plant

2004 -  2009

La centrale di Gilgel Gibe II è il secondo dei tre impianti della cascata idroelettrica Gibe-Omo. Situato a circa 250 km a sud-ovest di Addis Abeba, l’impianto fu commissionato dall’Ethiopian Electric Power come estensione del progetto Gilgel Gibe I, parte del più ampio progetto volto a trasformare il Paese in un grande produttore di energia.

La centrale elettrica, che utilizza lo stesso bacino formato dalla diga precedente, può raggiungere una produzione annuale di 1.650 GWh. L’opera, inaugurata nel 2009, si compone di un tunnel idraulico di 26 km, ad oggi il più lungo d’Africa, di una diga a gravità alta 50 m e di una centrale all’aperto che ospita quattro turbine Pelton con una potenza installata di 420 MW.

chiudi

06

Gilgel Gibe I Hydroelectric Plant

1999 -  2004

Il primo dei tre grandi progetti sorti sul fiume Gilgel Gibe segna un punto di svolta nello sviluppo energetico del Paese. Quando venne inaugurato, l’impianto idroelettrico era in grado di produrre il 30% dell’energia etiope. Situata a 270 km da Addis Abeba, l’invaso creato dalla diga è in grado di contenere 839 milioni di m3 di acqua.

07

Dire Dam

1996 -  1998

La diga di Dire è stata realizzata con l’obiettivo di garantire la fornitura di acqua alla capitale etiope, Addis Abeba. La diga, che sorge nella regione di Oromia, è lunga 1.997 m e alta 48,5, ed è dotata di opere di adduzione e trasferimento acqua per oltre 10 km.

08

Chida Sodo Feeder Road Project

1994 -  1998

La strada corre per una lunghezza di 160 km ed è divisa in due sezioni. La prima (Chida-Waka) è lunga 73 km, mentre la seconda (Waka-Sodo) si dirama per 87 km. L’opera ha previsto anche la costruzione di 5 ponti da 40 m di luce e di un ponte in ferro da 90 m di luce sul fiume Omo.

09

Tana Beles Project

1986 -  1992

Tana Beles è un progetto integrato unico nel suo genere, lanciato in Etiopia dopo il biennio 1984-1985 che portò nel Paese, così come in altre regioni dell’Africa, una terribile siccità. In Etiopia la siccità colpì circa 70.000 persone, malnutrite e affette da tubercolosi e da malaria.

Oltre alla gestione dell’emergenza, Salini Impregilo si impegnò nella costruzione di due dighe (Beles 1025 e Piccola Beles), entrambe a ridosso dell’omonimo fiume, affluente del Nilo Azzurro. Una volta in funzione, le dighe hanno contribuito a ripristinare la gestione dell’acqua nella regione, coprendo un’area di 1.600 km2 e rispondendo al fabbisogno idrico di 80.000 persone.

chiudi

10

Legadadi Dam

1964 -  1970

Commissionata dal comune di Addis Abeba, la diga di Legadadi rientra in un più ampio programma per l’approvvigionamento idrico dell’area urbana. La diga principale in calcestruzzo a gravità alleggerita, alta 46 m e lunga 450, assicura alla città un volume idrico di 40Mm3.

11

Lekempti-Gimbi Road

1964 -  1968

Soprannominata “La strada del caffè”, lunga 110 km, si sviluppa per gran parte su un tracciato montagnoso e ha agevolato il trasporto di merci, quali appunto il caffè, e persone. Alla sua realizzazione, avvenuta tra il 1964 e il 1968, hanno contribuito oltre 1.200 persone.

12

Funivia e opere in cemento armato a Addis Abeba

1962 -  1964

Le opere includono la costruzione di una funivia e di una strada di 23 km per il trasporto di minerali dalla cava nella Mugher Valley, che era precedentemente inaccessibile via terra.

13

Koka Hydroelectric Project on the Awash River

1958 -  1960

Il progetto consiste nella costruzione di una diga in calcestruzzo di tipo misto a contrafforti e a gravità con sfioratore incorporato.

I lavori si compongono di opere preliminari per la deviazione del fiume, opere civili riguardanti lo sbarramento, la presa, le condotte forzate e la centrale, la fornitura e posa del completo equipaggiamento elettromeccanico per la centrale, per la presa e per la sottostazione, oltre al collegamento elettrico alle città di Addis Abeba e Dire Daua.

chiudi